Rainbow Academy: l’importanza di sensibilizzare sulle minoranze sessuali e affettive nella quotidianità e nella professione

Rainbow Academy: l’importanza di sensibilizzare sulle minoranze sessuali e affettive nella quotidianità e nella professione

Gli stereotipi rappresentano determinate chiavi di lettura su un gruppo di persone accomunate da determinate caratteristiche (per esempio, il colore della pelle, il sesso, l’etnia, l’età ecc). Queste sono prevenute e generalizzate e il rischio è quello di osservare chi ne è soggetto solo attraverso di esse, portandoci inconsapevolmente ad alcuni errori di ragionamento: per esempio, dare talvolta per scontato che una persona con tratti somatici africani non sia una cittadina italiana quando invece è nata e cresciuta nel nostro Paese. 

La funzione cognitiva degli stereotipi è quella di fornire un ausilio nel risparmiare tempo e risorse per approfondire determinati aspetti della realtà quando dobbiamo muoverci di fretta all’interno dei nostri ambiti di vita. E’ anche vero che possono avere un determinato impatto su chi ne è bersaglio: come ci si sente quando le altre persone ti valutano attraverso determinati schemi che non tengono conto della tua personalità/individualità? 

L’avere stereotipi è normale e naturale poichè spesso derivano dall’educazione e dalla cultura a cui siamo stati esposti dalla nascita e alcuni di essi possono riguardare proprio aspetti inerenti il sesso, il genere, l’orientamento sessuale e l’identità di genere. Questo è comprensibile alla luce del fatto che viviamo in una cultura binaria (nella quale il genere viene classificato esclusivamente solo in termini maschili o femminili) ed eteronormativa (per cui solo l’orientamento eterosessuale viene assunto come unico e ideale), non lasciando spazio ad altre identità che non si riconoscono in essa. 

All’interno di questo panorama, tuttavia, potrebbe manifestarsi ancora oggi quel fenomeno denominato “Omotransnegatività” ossia quell’insieme di stereotipi e pregiudizi o rappresentazioni culturali negative nei confronti della comunità LGBTQ+ ossia Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender e Queer (il simbolo “+” indica invece l’inclusione di tutti gli orientamenti sessuali e identità di genere che non fanno parte delle lettere dell’acronimo). Gli atteggiamenti a carattere omotransnegativo agiscono su più livelli: da azioni legislative che negano i diritti fondamentali a queste persone fino ad arrivare a comportamenti discriminatori rivolti ad esse. 

Ancora oggi, appartenere a una minoranza affettiva e sessuale può avere degli effetti sul benessere psicofisico delle persone LGBTQ+. Questo perché, l’essere o il sentirsi vittima di stereotipi, pregiudizi e discriminazioni può causare sofferenza minacciando la libertà d’espressione del proprio orientamento sessuale e della propria identità di genere. 

Considerando dunque la complessità della nostra mente e le variabili socio-culturali precedentemente affrontate risulta prioritario promuovere una consapevolezza sul tema. Abbiamo infatti la possibilità di interrompere questo meccanismo, facendo luce su stereotipi e pregiudizi che abbiamo sviluppato nel corso della nostra vita, esercitandoci ad a leggerli attraverso l’ascolto di se stessi e degli altri. 

Nasce dunque Rainbow Academy, uno spazio libero dal giudizio, rivolto a tutti e finalizzato ad approfondire l’identità di genere e l’ orientamento sessuale. 

Gli incontri – tre in totale – si caratterizzano per la presenza di attività interattive e dinamiche di gioco, attraverso le quali i partecipanti avranno la possibilità di arricchire e di sperimentare le proprie conoscenze sul tema, attraverso le informazioni scientifiche più recenti.

A Cura del Dott. Filippo Gazzaniga e della Dott.ssa Carol Giannotti

Bibliografia

Bochicchio V. & Valerio P.  (2019) Nulla di impersonale? L’identità sessuale fra natura e cultura.Notizie di POLITEIA, XXXV, 135, 2019. ISSN 1128-2401 pp. 82-93

Campo, C., Pacini, M., & Pazios, V. (2018). L’identità di genere nella cultura attuale: percorso esplorativo nelle dimensioni bio-psico-sociale del costrutto. L’identità di genere nella cultura attuale: percorso esplorativo nelle dimensioni bio-psico-sociale del costrutto, 558-592.

Cavina C., Gambin Cavina S., Ciriello (2018) Incontrare le persone LGB. Strumenti concettuali e interventi in ambito clinico, educativo e legale. Ed. Franco Angeli. 

Graglia M. (2012). Omofobia. Strumenti di analisi e di intervento. Ed. Carocci Faber

Lingiardi, V. and Nardelli, N. (2014), Linee guida per la consulenza psicologica e la psicoterapia con persone lesbiche, gay e bisessuali, Milano: Raffaello Cortina. 

Montano A. & Rubbino R. (2021), Manuale di Psicoterapia per la popolazione LGBTQIA+. Aspetti socio-culturali, modelli teorici e protocolli di intervento. Trento: Erickson.

Leave a Reply